News e Recensioni sulla Tecnologia

La prima nave automatica al mondo pronta nel 2018

...secondo il Wall Street Journal autonoma completamente nel 2020

Completamente nave automatica nel 2020

La prima nave automatica al mondo ovvero senza equipaggio a bordo sarà lanciata nel 2018 e pronta per l’automatismo completo nel 2020. Costruita dalla casa norvegese Yara Birkeland, utilizzerà tecnologie mai usate prima su una nave e si avvarrà di GPS, videocamere, e sensori per il rilevamento di qualsiasi tipo di movimento. Avrà un costo pari a 25 milioni di dollari ben tre volte in più di una normale nave.

La Yara (questo è il nome probabile della nave) avrà una lunghezza di circa 70 metri e sarà larga circa 15 con una capacità di trasportare circa 100/150 container; inizierà a viaggiare con l’equipaggio a bordo che dopo circa un anno si trasferirà in remoto, in una nave vicina; questo consentirà allo stesso equipaggio di poter lavorare accanto alla Yara e cosi contribuire alla messa in automatica completa, prevista per il 2020.

Nave Automatica Yara Birkeland
Nave Automatica Yara Birkeland – Rendering

Zero emissioni

La nave sarà completamente a risparmio energetico quindi priva di emissioni inquinanti. Definita già la “Tesla dei Mari” è provvista di 100 contenitori sviluppati in partnership tra l’azienda agricola Yara International e la società di tecnologia Kongsberg Gruppen. Come primo compito nel 2018 dovrà trasportare fertilizzanti da un impianto di produzione al porto di Larvik, percorrendo circa 37.000 miglia.

La stessa Yara Birkeland ha dichiarato che gli investimenti presto si sposteranno su settori dove ci sarà l’impiego di navi molti più grandi. Navi che vengono attualmente impiegate per tragitti molto più lunghi.

Questo consentirebbe a dir loro di risparmiare ben 40.000 viaggi eseguiti attualmente dai camion, con una conseguente riduzioni di emissioni inquinanti nell’atmosfera.

Render della Yara

 

Fonte Wall Street Journal