News e Recensioni sulla Tecnologia

Huawei Mate 10 Pro si e Mate 10 no. Presentati ufficialmente a Monaco

CAPOLAVORI DELLA TECNOLOGIA

Huawei ha finalmente presentato oggi la sua nuova gamma dei Mate. Huawei Mate 10 Pro e Mate 10. Dei due solamente il Pro è destinato al nostro mercato.

I modelli presentati confermano tutti i render emersi in rete negli ultimi giorni.

“Non è uno smartphone ma è una macchina intelligente”

Con questa frase il CEO di Huawei ha presentato i suoi nuovi modelli.

Alla base del Huawei Mate 10 Pro e del Mate 10 vi è il processore progettato e costruito dalla stessa casa Kirin 970. Questo processore è in grado di riconoscere con più velocità ed un’alta efficienza energetica immagini e voci e tutta la sua potenza di calcolo è stata quindi implementata in tutto il device e nelle sue funzioni.

SCHEDA TECNICA HUAWEI MATE 10 PRO

  • Schermo 6 pollici Full-HD+, 1.080 x 2.160, 403 ppi, OLED, 18:9
  • SoC Kirin 970 octa-core, quattro core ARM Cortex-A73 a 2.4 GHz + quattro core Cortex-A53 a 1.8 GHz
  • GPU Mali-G72 MP12
  • RAM 6 GB
  • Storage 128 GB non espandibile
  • Fotocamera posteriore Dual-Camera, 12 MP RGB f/1.6 + 20 MP monocromatico f/1.6, OIS, flash LED Dual-Tone, Hybrid Zoom, autofocus laser
  • Fotocamera anteriore 8 MP f/2.0
  • Connettività Bluetooth 4.2, NFC, Wi-Fi ac Dual-Band, GPS A-GLONASS, NO jack audio 3.5 mm
  • Reti LTE Cat. 18, fino a 1.2 Gbps in download, 4.5G
  • Sicurezza Sensore per il riconoscimento delle impronte digitali posizionato sul retro
  • Batteria 4.000 mAh
  • Ricarica USB Type-C, ricarica rapida attraverso lo standard proprietario SuperCharge (caricabatteria compatibile incluso in confezione)
  • Dimensioni 154.2 x 74.5 x 7.9 mm
  • Peso in aggiornamento
  • Sistema operativo Android 8.0 Oreo personalizzato con EMUI 8.0
  • Colori Midnight Blue, Titanium Grey, Mokka Brown
  • Prezzo ufficiale in Italia 849 euro

HUAWEI MATE 10 PRO DISPLAYPROCESSORE: KIRIN 970 “IA” DI CASA HUAWEI

Il processore Kirin 970 è costruito con un processo produttivo a 10 nm ed è strutturato da una CPU ad 8 core e da una GPU a 12 core di ultima generazione.

E’ davvero straordinario trovare in 1 cm di ben più di 5 miliardi di transistor. Ciò che lo rende però diverso è appunto la presenza di un processo NPU (Neura Processing Unit) ovvero una unità dedicata alla IA. Per gli amanti dei benchmark è d’obbligo sapere che questo fantastico processore è più veloce del precedente del 25 per cento ed è altamente efficiente con un risparmio energetico del 50 per cento.

COMPARTO FOTOGRAFICO

Anche quest’anno sul retro del Huawei Mate 10 Pro e del Mate 10 abbiamo una dual-camera composta da due sensori fotografici: un sensore principale da 12mpx in RGB con obiettivo f/1.6 accoppiato a un secondo sensore da 20mpx monocromatico con obiettivo f/1.6. Stabilizzatore ottico dell’immagine di serie, flash LED Dual-Tone e ben quattro sistema di messa a fuoco. Come per LG V30 anche qui abbiamo un’apertura focale dell’ottica  da f 1/6. I primi sample fotografici scattati sono stati davvero impressionanti. Nella prove dell’utilizzo della fotocamera è stato anche dimostrato della beneficenza del nuovo processore. Durante le fasi di scatto è si è in grado di riconoscere davvero tutto quello che si ha davanti e nell’utilizzo dell’effetto bokeh è capace anche di di individuare tutti i soggetti presenti nel campo fotografico. Collaborazione anche qui con Leica collaborazione oramai avviata dal lancio del Huawei P9 e consolidatasi nel tempo.

ESTETICA E SOFTWARE

La parte frontale del Mate 10 Pro è caratterizzata da uno schermo da 6 pollici Full-HD+ (1.080 x 2.160), OLED e rapporto di forma in 18:9. Huawei lo chiama FullView Display, e guardandolo bene grazie alle cornici ridotte si ha una sorta di linea di continuità con la scocca.

Huawei Mate 10 Pro arriverà in commercio con Android 8.0 Oreo, ed EMUI 8.0. Si Huawei ha allineato la versione di Android con la sua interfaccia. In questa nuova EMIU sono state introdotte due chicce software davvero interessanti:

Easy Talk e Easy Protection: la prima funzione si occuperà di amplificare la voce dell’utente durante le telefonate a seconda dell’ambiente circostante (il machine learning, appunto). Huawei ha sottolineato come, anche bisbigliando (nel caso in cui non ci si voglia far sentire da chi ci sta attorno), l’interlocutore riuscirà a sentire perfettamente ciò che abbiamo detto. Oltre a questo è grazie sempre al Machine Learning il dispositivo è in grado di tradurre istantaneamente ben 60 lingue.

Ma veniamo ad Easy Projection. Collegando il nostro dispositivo con un cavo HDMI ad un monitor esterno, si avrà un nuovo desktop su cui poter operare e lavorare contemporaneamente al device.

Sul campo del fattore energetico il device è alimentato da una batteria da ben 4.000mAh che è in grado di ricaricarsi del 58% in 30 minuti. La casa ha dichiarato due ben giorni di utilizzo grazie sempre all’implementazione della Machine Learning sul nuovo processore.

In Italia sarà solo commercializzata Mate 10 Pro e non la normale che si differenzia davvero per pochi aspetti.

SCHEDA TECNICA HUAWEI MATE 10

  • Schermo 5,9 pollici QHD, 1.440 x 2.560, 525 ppi, LCD, 16:9
  • SoC Kirin 970 octa-core, quattro core ARM Cortex-A73 a 2.4 GHz + quattro core Cortex-A53 a 1.8 GHz
  • GPU Mali-G72 MP12
  • RAM 4 GB
  • Storage 64 GB espandibili tramite micro-SD
  • Fotocamera posteriore Dual-Camera, 12 MP RGB f/1.6 + 20 MP monocromatico f/1.6, OIS, flash LED Dual-Tone, Hybrid Zoom, autofocus laser
  • Fotocamera anteriore 8 MP f/2.0
  • Connettività Bluetooth 4.2, NFC, Wi-Fi ac Dual-Band, GPS A-GLONASS, jack audio 3.5 mm
  • Reti LTE cat. 16, fino a 1 Gbps in download
  • Batteria 4.000 mAh
  • Ricarica USB Type-C, ricarica rapida attraverso lo standard proprietario SuperCharge (caricabatteria compatibile incluso in confezione)
  • Sicurezza Sensore per il riconoscimento delle impronte digitali posizionato sul retro
    Sistema operativo Android 8.0 Oreo personalizzato con EMUI 8.0

Non resta che metterli alla prova.